UN PONTE (NON SOLO) IDEALE TRA SANT’ANGELO DEI LOMBARDI E MONTE DI PROCIDA

28 APRILE 2017 – MONTE DI PROCIDA

Davvero una bella giornata quella trascorsa da un gruppo di studenti dell’I.I.S.S “F. de Sanctis” di Sant’Angelo dei Lombardi presso l’I.C. “Amerigo Vespucci” di Monte di Procida. Due istituti impegnati nel Programma “SCUOLA VIVA”, finanziato mediante risorse FSE della Regione Campania, il cui obiettivo è quello di innalzare la qualità della scuola e rafforzarne le relazioni con il territorio attraverso laboratori pomeridiani. Ma anche quello di offrire ai giovani l’opportunità di fare emergere potenzialità inespresse. La scuola, quindi, perno centrale dell’apprendimento primario e della crescita della personalità dei giovani. Ma torniamo al viaggio a Monte di Procida.

Studenti in escursione al Monte Procida

Circondati dallo splendido scenario naturale dei Campi Flegrei, gli studenti e i ragazzi esterni che frequentano il corso “I linguaggi dell’Arte” (uno degli otto moduli formativi realizzati grazie al Progetto “Scuola Viva” del nostro istituto), hanno preso parte alla manifestazione promossa dall’I.C. di Monte di Procida che ha presentato le proprie attività svolte sempre nell’ambito del Progetto “Scuola Viva”. La manifestazione ha visto la presenza dell’Assessore all’Istruzione, Politiche sociali e allo Sport della Regione Campania, Lucia Fortini, della D.S. dott.ssa Fernanda D’Agostino, delle Associazioni-Partner e docenti-tutor, degli alunni e famiglie. Presente all’iniziativa la Coop. Ceramiche Artistiche “Lucignolo”, con il presidente prof Mario Del Goleto e l’esperta ceramista Marta Buonamico (che insieme alla scrivente, in qualità di tutor, cura l’attività laboratoriale del corso “I linguaggi dell’Arte”). L’entusiasmo dei ragazzi impegnati nelle varie rappresentazioni culturali e sportive è “quello che si sarebbe sprigionato quando abbiamo immaginato Scuola Viva”, ha affermato l’Assessore Fortini che al momento della presentazione della nostra scuola (che è tra quelle che hanno ricevuto il finanziamento regionale)  ha ribadito l’importanza del Progetto “Scuola Viva” non solo come  opportunità di crescita umana per studenti e non studenti, di integrazione sociale, di scoperta delle attitudini inespresse ma soprattutto l’opportunità di scambio e relazione con le diverse realtà territoriali e con le esigenze delle famiglie. Insomma davvero “la Scuola aperta a tutti”.

Prof.ssa Antonietta Di Masi